Home Marco Conidi Ti do di me

Ti do di me

1088

Testo Accordi Chitarra Marco Conidi Ti do di me

testo accordi chitarra spartiti Marco Conidi
Marco Conidi
Dom 
Steso sotto un cielo azzurro, parlo di te
con un temporale dentro che so cos’è
       Fam            Dom  (stop) 
non mi solleva non mi consola
    Dom 
Consumiamo questo addio davanti a un caffè
il sorriso è quello mio, tu sai com’è
       Fam            Dom   
non mi solleva, non mi consola.
  Fam                                     Dom      (stop) 
Ci sono cose che toccano il cuore e che non vanno via.
   Dom 
Ti do di me la gioia che non muore Ti do di me le mie parole nuove
        Fam                              Dom 
Ti do di me parigi e una vacanza Ti do di me l’estate in una stanza
 Re 
Ti do di me di me di me
   Dom 
Ti do di me un vecchio carnevale Ti do di me lo sguardo mio animale
        Fam                              Dom 
Ti do di me le storie che sapevo Ti do di me i giorni in cui credevo
  Re                                                Dom      (stop) 
Ti do di me di me di me di me di me tutta la mia passione.
       Dom       
C’è chi ha scritto che un sorriso, può andare via
se lo fissi in una foto o in una poesia
     Fam                   Dom 
non mi solleva non mi consola.
  Fam                                             Dom      (stop) 
Ci sono cose che toccano il cuore e che non vanno via.
            Dom 
Ti do di me la chiave in un portone Ti do di me un fiore ed un guantone
Fam                                 Dom  
Ti do di me il sole che va via Ti do di me Natale in casa mia
    Re 
Ti do di me di me di me di me
         Dom  
Ti do di me un uomo con l’ombrello Ti do di me la foto col cappello
        Fam                              Dom 
Ti do di me i piedi dentro il mare  Ti do di me il nome sull’altare
  Re                                              Sol  Sol#  Sol  Sol#   
Ti do di me di me di me di me di me la mia malinconia
         Dom  
Ti do di me le cose che non vedi Ti do di me i sogni che non chiedi
        Fam                              Dom 
Ti do di me l’odore della pelle Ti do di me un giro fra le stelle
    Re                                                  Dom       
Ti do di me di me di me di me questa assurda leggera follia
   Ti do di me
     Dom  
il buio delle chiese Ti do di me la cena giapponese
        Fam                              Dom 
Ti do di me la spesa in un mercato Ti do di me la bici in mezzo al prato
    Re        
Ti do di me di me di me
  Dom                                          Fam 
Ma non lo vedi i sogni son veri non puoi consumarli
         Dom                     Sol  Sol#  Sol  Sol#   
se provi ad usarli ma se non li usi sfioriscon per te
Dom  Sol Dom  
Ti do di me.