Home Roberto Vecchioni Canzone per Laura

Canzone per Laura

2875

Testi Accori Spartiti Chitara Roberto Vecchioni Canzone per Laura

testo accordi chitarra spartiti Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni

tabs chords lyrics

LA-                  RE        SOL       MI-
Al primo amore si ferm•, scese dalla filovia
LA-                       RE     SOLSI-MI-      SOLSI-MI-
e allora il mondo gli sembr• una drogheria, una drogheria.
LA-                     RE    SOL                   MI-
L'ultima volta che lo videro, era col circo del "Pensateci Un Po' Voi",
LA-                   RE           SOL          MI
dove leoni, clown e acrobati, stavan fermi come lui.
      LA-              RE         SOL        MI-
Va da sŠ che Laura non crede, non crede pi—
         LA-               RE        SOL         MI-  SOL  MI-
passa il sale, chiacchiera, siede, e guarda gi—.
LA-                     RE       SOL        MI-
Fu Re Riccardo il primo che, salut• la compagnia
LA-                      RE           SOLSI-MI-        SOLSI-MI-
si tolse l'elmo e disse "TiŠ"! Ma con cortesia, ma con cortesia.
LA-                       RE      SOL                        MI-
Era una guerra un po' del cavolo, mancavano un senso, un apriscatole, un'idea
LA-                 RE          SOL         MI
eppure tutti comandavano, a che cosa non si sa.
      LA-              RE         SOL        MI-
Va da sŠ che Laura non crede, non crede pi—
         LA-               RE        SOL         MI-  SOL  MI-
passa il sale, chiacchiera, siede, e guarda gi—.
LA-                RE        SOL              MI-
E Marco Polo li freg•, Doge, moglie, turchi e idee,
LA-                      RE          SOL SI- MI-           SOL SI- MI-
part da Chioggia ed arriv•, non pi— gi— di  Bari, non pi— gi— di  Bari
LA-                          RE       SOL                   MI-
poi disse :"Ho visto orienti magici", ma almeno aveva avuto della fantasia,
LA-                   RE           SOL              MI
i veneziani che applaudivano, solo invidia e ipocrisia.
      LA-              RE         SOL        MI-
Va da sŠ che Laura non crede, non crede pi—
         LA-               RE        SOL         MI-  SOL  MI-
passa il sale, chiacchiera, siede, e guarda gi—.
LA-                    RE    SOL         MI-
Poi quel bambino si volt•, e cont• le nostalgie
LA-                      RE       SOLSI-MI-      SOLSI-MI-
scese dal palco e disse "No! Sono cose  mie, solamente mie".
LA-                    RE      SOL                    MI-
e mentre tutti si aspettavano, la giravolta, il salto doppio, la poesia
LA-                     RE              SOL            MI
grid• a chi stava a capotavola: "Stacci attento e fila via!"
       LA-             RE        SOL       MI-
PerchŠ adesso Laura ci crede, ci crede s
           LA-               RE     SOL        MI-  SOL  MI-
chiude gli occhi e dentro ci vede, adesso s
       LA-             RE        SOL      MI-
PerchŠ adesso Laura ci crede, ci crede s
           LA-               RE    SOL       MI-  SOL  MI-
chiude gli occhi e dentro sorride, adesso s.