Home Riccardo Cocciante GLi alberi della città

GLi alberi della città

861

Testi Accori Spartiti Chitara Riccardo Cocciante GLi alberi della città

testo accordi chitarra spartiti Riccardo Cocciante
Riccardo Cocciante

tabs chords lyrics

do -
Gli alberi della città sono i confini del cielo lungo gli argini del fiume chiusi dal tirreno
           fa -/lab                             do -                        lab4          si b           fa -7           do -
servono ad appoggiare cuori spezzati e muti  nei giardini comunali il loro verde è un velo
     lab6                                                         si b9                           la b6
Ricordi le bianche scarpe di gomma sbiancavano l’ombra quell’ombra più scura sotto un
                      sol -7   fa -7                                               sol -7                            la b
tronco e dall’erba brillavano i lacci appena sciolti di un branco di amanti e nel lago coi
         sol -7               la b6   si b
remi facevi fontane, no
do -
Gli alberi della città sono i confini del cielo e  lunedì non sorgeva non sorgeva mai il sole
        fa -/lab           do -                          lab4            si b                     fa -7
sui libri legate le cinghie di gomma sapevano di amori quasi sempre insensati
                              do -
quasi sempre insensati
     lab6                                                    si b9                      la b6
 Foglietti a quadretti, foglie cadute e sigarette gettate e gli alberi gli stessi a coprire carezze
       sol -7     fa -7                                                            sol -7                 la b
 affrettate fragranze sconosciute del gioco d’amore del gioco d’amore e tu lo capisci
                                            sol -7                         la b6               si b
 mia bella ragazza che il passato non è dolore..no - no non è dolore
do -
Gli alberi della città sono i confini del cielo e i salotti rifugi sotto al sole e le stelle sono il
                  fa -/lab                            do -                         lab4                    si b
telo sulle chiacchiere tristi di ghiaccio e bicchieri ma i viali respingono forte gli sguardi
fa -7                                                 do -
che sanno di noia che sanno di noia
  do -           lab6                                             si b9                                la b6
E allora fuori bambina amore mio che le foglie sono velieri tra tempeste di fumo i rifiuti
                   sol -7     fa -7                                                         sol -7              la b
sembrano scogliere ma domani ti giuro cadranno giù come le nostre paure e dal lago
                   sol -7                                  la b
e dal fiume faremo fontane faremo fontane.
do -
Gli alberi della città sono ai confini del cielo spettinati dai gabbiani venuti dal tirreno
    fa -/lab                                  do -                          lab4         si b             fa -7
servono a rinnovare nuove stagioni al tempo nei giardini comunali il loro verde è un velo
                        do -
gli alberi della città.